AccessibilitàAccessibilitàAccessibilità

Tutti gli elementi

05/12/2019

DEMOCRAZIA PARTECIPATA:

DEMOCRAZIA PARTECIPATA: VINCE IL PROGETTO PER IL CENTRO INCONTRO MINORI SAN GREGORIO – Si è concluso il sondaggio de “La democrazia partecipata”, uno strumento importantissimo che ha dato ai cittadini sangregoresi la grande opportunità di attribuire la somma di 8.000,00 euro (pari al 2 per cento dei trasferimenti regionali da investire in un’azione di interesse pubblico da sviluppare sul proprio territorio), al progetto “Acquisto beni strumentali e arredi Centro incontro giovani”. Il progetto, che si è aggiudicato, con 474 preferenze su 1.113 votanti, il primo posto, ha scavalcato di poco l’altro: “Acquisto, ripristino ed installazione di arredo urbano e verde pubblico” che ha ottenuto 454 voti. A seguire il piano di lavoro relativo all’ “Acquisto ed installazioni giochi per bambini diversamente abili” cha ha ottenuto 55 preferenze. Tutte le altre sette rimanenti proposte non hanno toccato i 50 voti. «Sono soddisfatto per la grande partecipazione sulla piattaforma che ha visto ben 1.113 votanti manifestare il proprio consenso nella scelta dei vari indirizzi progettuali disegnati dall’amministrazione comunale – ha dichiarato l’assessore alle Politiche giovanili, Seby Sgroi - dal momento che ha vinto il progetto n. 1 colgo l’occasione, in qualità di assessore al ramo, di comunicarvi che destinerò detta somma al Centro incontri minori di via Bellini 37, per valorizzarne e migliorarne la struttura con arredi e servizi da offrire ai giovani, attivando e promuovendo tutti i processi aggregativi che coinvolgono la comunità giovanile con la cooperazione di tutte le associazioni presenti sul territorio. La nostra finalità – ha concluso Sgroi – è quella di formare un vero punto di ritrovo per giovani, il cosiddetto “Centro di aggregazione giovanile”». Per il primo cittadino, Carmelo Corsaro, «questa considerevole partecipazione – ha commentato – è la testimonianza che la società sangregorese, insieme alle sue associazioni, sente propria l’appartenenza al territorio e infatti le proposte più votate sono state quelle orientate a giovani e all’arredo urbano, come a dire che i giovani vogliono vivere la propria cittadina stimolando l’amministrazione comunale a fare sempre meglio». Alfio Patti